Ajo nell’imbarazzo

GAETANO DONIZETTI:

Ajo nell’imbarazzo, melodramma giocoso in due atti su libretto di Jacopo Ferretti, tratto da l’omonima commedia di Giovanni Giraud (1807).

  • PERSONAGGI:

Il Marchese Don Giulio Antiquati (baritono)

Il Marchese Enrico, suo figlio (tenore)

Madama Gilda Talemani, sposa di Enrico (soprano)

Il marchese Pippetto, altro figlio del marchese Giulio (tenore)

Gregorio Cordebono, ajo in casa del marchese Giulio (buffo)

Leonarda, cameriera attempata (mezzosoprano)

Simone, servo del marchese (basso)

Prima rappresentazione: Roma, Teatro Valle 4 febbraio 1824

  • LUOGO: Roma, Casa del Maechese Antiquati
  • TRAMA:In quest’opera si narra della contesa tra Don Giulio, uomo di saldissimi principi morali, e Don Gregorio, precettore dei due figli Enrico e Pippetto, che, al contrario, è consapevole dei pericoli insiti in un’educazione troppo restrittiva. Quando Don Giulio apprende che Enrico ha sposato a sua insaputa Gilda, una fanciulla che gli ha dato un figlio, si vede crollare il mondo addosso e reagisce con durezza; solo alla fine, attraverso la sapiente mediazione di Gregorio, il marchese, commosso anche dall’assennata e dignitosa reazione di Gilda, si riconcilia con la famiglia.
  • APPROFONDIMENTO:

    Il soggetto, tratto da un’omonima commedia di Giraud (Roma 1807) e da allora più volte musicato, segna il fortunato esordio della collaborazione del compositore con Jacopo Ferretti. Grazie alla squisita fattura del libretto, e anche a interpreti di prim’ordine (soprattutto Maria Ester Mombelli e Antonio Tamburini nei panni di Gilda e di Don Giulio), L’ajo fu il primo vero successo del compositore.

Taluni caratteri, principalmente quelli di Don Gregorio e di Gilda, si affrancano dal consueto repertorio di espressioni e di gesti ‘buffi’ per approdare a un tono patetico non di maniera. Nel duetto tra questi due personaggi (“D’un’infelice e misera”), inoltre, Donizetti sottolinea con un’inedita varietà di soluzioni armoniche e melodiche il dolore della protagonista che, pur simulato, deve apparire sincero. Tutto ciò fa di quest’opera forse l’esito più significativo di Donizetti nel genere buffo prima dell’ Elisir d’amore . Per Napoli, il musicista scrisse anche una versione con dialoghi parlati e con la parte del buffo in dialetto che, ribattezzata Don Gregorio , fu rappresentata, come ‘farsa in due atti’, l’11 giugno 1826 al Teatro Nuovo.

  • ASCOLTO:

Ouverture

Figlia io son d’un colonnello

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...