Les Martyrs

GAETANO DONIZETTI:

Les Martyrs, Grand-opéra in quattro atti su libretto di Eugène Scribe, da Poliuto di Salvatore Cammarano.

  • PERSONAGGI:

Sévère, proconsole inviato dall’imperatore (baritono)

Félix, governatore dell’Armenia a nome dell’imperatore (basso)

Pauline, sua figlia (soprano)

Polyeucte, suo genero (tenore)

Néarque, cristiano, amico di Polyeucte (tenore)

Callisthènes, gran Sacerdote di Giove (basso)

Un cristiano (tenore)

Prima rappresentazione: Parigi, Teatro dell’ Opéra, 10 aprile 1840.

  • LUOGO: Armenia
  • EPOCA: 259 d.C
  • TRAMA:

Le modifiche apportate da Scribe al libretto di Cammarano sono sostanziali: egli ampliò infatti il dramma da tre a quattro atti, modificando la fine del primo atto e l’inizio del secondo, ma soprattutto eliminò il motivo della gelosia di Poliuto riportando il conflitto religioso a fulcro essenziale del dramma e attribuendo così a Martyrs un connotato maggiormente spiritualizzato rispetto a Poliuto . Da parte di Donizetti i cambiamenti non furono meno importanti: innanzitutto sostituì al preludio di Poliuto una ampia ouverture in mi maggiore, aperta da un solenne passo di ventisei battute per quattro fagotti, poi cambiò nel primo atto la sortita di Pauline, che nella nuova versione viene a pregare sulla tomba della madre, cui segue un coro femminile nuovo (“Jeune souveraine”), collegato all’ampio preludio che accompagna l’entrata di Pauline da un assolo di clarinetto. L’aria di Pauline “Qu’ici ta main glacée”, dal punto di vista del contenuto musicale, è identica alla corrispondente “Di quai soavi lagrime”. Del tutto diversa è invece la conclusione dell’atto, siglata da un elaboratissimo terzetto (“Objet de ma constance”); questo terzetto fu recuperato nella traduzione italiana di Les Martyrs e inserito nella partitura di Poliuto fra il cantabile e la cabaletta dell’aria di entrata di Paolina nel primo atto, disposizione che non corrisponde affatto al modo in cui Donizetti rielaborò questa sezione in Les Martyrs .

Nel secondo atto, l’inizio della prima scena è costituito da materiale nuovo, con l’aria per Félix, “Dieux des Romains”. Ampie modifiche contempla anche la seconda scena, dove la partitura di Les Martyrs prevede un balletto articolato in un divertissement in tre parti. Il terzo atto collima essenzialmente con il secondo di Poliuto, tranne che per la presenza di due nuove arie per tenore in sostituzione di “Fu macchiato l’onor mio” e “Sfolgorò raggio divino”. La prima aria “Mon seul trésor” è un cantabile dalla morbida melodia, mentre la risoluzione di Polyeucte di recarsi da Néarque è espressa nella vigorosa cabaletta “Oui, j’irai dans leurs temples”. Da notare che nella frase “Dieu m’inspire” l’effetto di trascendenza è tradotto da uno straordinario sovracuto: un fa sopra il do acuto, la cui esecuzione è lasciata da Donizetti alla facoltà dell’interprete. Completamente cambiata è la scena iniziale del quarto atto, dove in luogo dell’aria con coro di Callistene v’è un terzetto per Félix, Sévère e Pauline; e il coro iniziale del finale, di lunghezza doppia rispetto all’originale. (Dizionario dell’Opera)

  • APPROFONDIMENTO:

«Darò alla Grand’Opera Francese il mio Poliuto proibito a Napoli per essere troppo sacro, allargato in quattro atti invece di tre com’era, e tradotti ed aggiustati pel Teatro Francese da Scribe. Da ciò ne avvenne che ho dovuto rifare tutti i recitativi di nuovo, far un nuovo finale primo atto, aggiunger arie, terzetti e ballabili come qui si usa, acciò non si lagni il pubblico che la tessitura è italiana, che in questo non ha torto. La musica, e la poesia teatrale francese hanno un cachet tutto proprio al quale ogni compositore deve uniformarsi». Così Donizetti, in una lettera al suo vecchio maestro Simone Mayr (Parigi, 8 aprile 1839), descriveva i cambiamenti che Poliuto dovette subire per approdare sulle scene francesi. Dopo che la rappresentazione del dramma di Cammarano tratto dal Polyeucte di Corneille fu vietata nel 1838 a Napoli, Donizetti pensò a un suo adattamento per l’Opéra di Parigi accordandosi con Eugène Scribe per la rielaborazione del libretto in francese, che andava comunque adattato a una partitura in gran parte già scritta. Quanto alla sostanza musicale, l’analisi dell’autografo conservato a Milano (Archivio Storico Ricordi) mostra come Donizetti dovette provvedere a riscrivere interamente in una nuova partitura le parti vocali, nonché la parte del basso e alcuni interventi dei fiati per le parti di Martyrs adattate da Poliuto , lasciando ai copisti la stesura delle parti rimanenti; le sezioni nuovamente composte – sia le parti vocali sia l’orchestrazione – furono stese interamente da Donizetti.

Gli interpreti cui fu destinata la partitura di Les Martyrs e le modifiche richieste dalle convenzioni teatrali francesi provocarono un mutamento sostanziale anche nell’individuazione dei vari ruoli. La parte di Polyeucte, originariamente scritta per Nourrit, la cui estensione non andava oltre il la, è resa in Les Martyrs molto più acuta essendo stata scritta per Duprez, famoso per il do di petto, ma la cui tessitura poteva spingersi fino al fa diesis tramite l’uso del falsetto. Anche il ruolo di Pauline è più arduo, specie per l’aggiunta del terzetto dell’atto quarto. Radicalmente modificata la parte di Félix, che passa da tenore comprimario a basso profondo principale, con una parte notevolmente ampliata.

  • ASCOLTI:

Qu’ici ta main glasée, aria di Pauline, Leyla Gencer

Sévère existe , cabaletta di Pauline, Leyla Gencer

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...