Oberto conte di San Bonifacio

GIUSEPPE VERDI:

Oberto, conte di San Bonifacio, Dramma in due atti su libretto di Antonio Piazza e Temistocle Solera.

  • PERSONAGGI:

Oberto, conte di San Bonifacio (basso)

Leonora, sua figlia (soprano)

Riccardo, conte di Salinguerra (tenore)

Cuniza, sorella di Ezzelino da Romano (mezzosoprano)

Imelda, confidente di Cuniza (mezzosoprano)

Cavalieri, Dame, Vassalli (Coro)

 Prima rappresentazione: Milano, Teatro alla Scala, 17 novembre 1839.

  • EPOCA: 1228.
  • LUOGO: Bassano.
  • TRAMA:

Atto primo . Bassano, 1228. Riccardo, che è stato un tempo amante di Leonora, figlia di Oberto, intende ora sposare Cuniza, sorella di Ezzelino da Romano. Mentre Cuniza ha tristi presentimenti, Leonora incontra il padre che, perdonatala, la guida al castello di Ezzelino per riportarla tra le braccia di Riccardo. Questi, che ha rivelato il suo passato a Cuniza, è da lei affrontato. Quando, per difendersi, accusa Leonora di essergli stata infedele, Oberto insorge, deciso a vendicare l’offesa. Cuniza respinge Riccardo che, nonostante la sua superiorità fisica, si batte con Oberto. Intervengono le due donne e Cuniza dichiara che perdonerà Riccardo solo se questi accetterà di sposare Leonora. Riccardo finge di accettare

Atto secondo . Riccardo, respinto da Cuniza, incontra Oberto nel giardino del castello; consapevole della propria superiorità vorrebbe rifiutare il duello, ma Oberto è irremovibile. Mentre i due si battono, sopraggiungono Leonora e Cuniza. Quest’ultima dichiara che perdonerà Riccardo solo se questi accetterà di sposare Leonora; Oberto lo consiglia di accettare, ma solo per potere riprendere il combattimento più tardi. La gioia di Leonora di fronte al consenso di Riccardo è di breve durata: di lì a poco il giovane uccide in duello Oberto, poi fugge. Mentre, Leonora, fuori di sé, si accusa della morte del padre, giunge una lettera di Riccardo nella quale il giovane, in cambio del perdono, le dona tutti i suoi beni. Cuniza la esorta al perdono ma Leonora, desolata e accecata dal sangue e dal rimorso, non vede ormai che la cella di un convento e cade riversa tra le braccia delle donne.

  • APPROFONDIMENTO:

I  ricordi di Verdi relativi al periodo precedente l’ Oberto non fanno sufficiente luce sull’attività compositiva dei suoi primi anni. Nel settembre 1836 egli avrebbe portato a termine un’opera intitolata Rocester ; ma poiché di questo lavoro non si ha più traccia, si è ipotizzato che l’abbozzo della partitura divenisse successivamente Oberto, conte di San Bonifacio , prima opera ufficiale nel catalogo verdiano. In effetti, quando quasi tre anni dopo l’impresario della Scala Bartolomeo Merelli scritturò Verdi, del Rocester non si parlava ormai più, anche se Julian Budden ha dimostrato che più di un brano della partitura dell’ Oberto potrebbe essere ricondotto al lavoro precedente, fatte salve le opportune modifiche di luogo (dall’Inghilterra all’Italia medioevale), di tempo (dall’epoca della Restaurazione al Medioevo) e di personaggi. Non a caso, Oberto è l’unico soggetto verdiano di cui non si conosca la fonte originaria; quanto all’autore del libretto, il compositore nomina esplicitamente Antonio Piazza in relazione al Rocester e nulla ci dice di Oberto , che di certo uscì, almeno in parte, dalla penna di Temistocle Solera. La prima rappresentazione si giovò del basso profondo Ignazio Marini nel ruolo del protagonista e venne accolta con interesse, ma i giudizi furono contrastati; si sottolineò la mancanza di originalità della partitura, che in effetti pagava dei tributi a compositori del passato e coevi. Del resto l’obiettivo che Verdi si riprometteva allora era quello di un musicista alle prime armi, che desiderava soprattutto farsi notare nel difficile ambiente operistico del tempo. Alcune soluzioni denunciano ingenuità e goffaggini, tuttavia già è ravvisabile un tratto assolutamente personale e nuovo nell’affrontare talune situazioni proposte dal libretto (i vasti recitativi del protagonista delineano una statura drammatica del personaggio che lascia già intravvedere gli esiti di Rigoletto ) e nell’affrontare le formule melodrammatiche della tradizione; ad esempio nel duetto di Oberto e Leonora (“Guardami! Sul mio ciglio”), in quello di Cuniza e Riccardo (“Il pensier d’un amor felice”) e nella cabaletta finale di Leonora (“Cela il foglio insanguinato”). L’opera fu ripresa nella stagione di carnevale 1840 a Torino, nuovamente a Milano e l’anno successivo a Napoli e a Genova; Verdi intervenne più volte, revisionando largamente alcuni brani o anche riscrivendoli. È certo che inizialmente il compositore ripose in quest’opera le speranze di una significativa affermazione, e che solo il clamoroso successo di Nabucco , dopo il fiasco di Un giorno di regno , lo indusse a tralasciarla. Del resto l’opera fu presto relegata nell’ombra dalla produzione successiva e solo di recente, sulla scia della completa rivalutazione del Verdi giovanile, è stata nuovamente ripresa in considerazione. (Dizionario dell’Opera)

  • ASCOLTI:

Opera in 10 minuti

“Son fra voi” cavatina atto I, Carlo Bergonzi

Ah sgombro è il loco… Sotto il paterno tetto, cavatina atto I, Ghena Dimitrova

“E che gli resta a proferire…” recitativo, aria e cabaletta Elena Nicolai atto II

“L’orror Del Tradimento”   aria e cabaletta atto II  Giuseppe Modesti

“Ciel che feci” , aria atto II Carlo Bergonzi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...