Matilde di Shabran

GIOACCHINO ROSSINI (1792-1868)

Matilde di Shabran. ossia Bellezza e cuor di ferro, melodramma giocoso in due atti, su libretto di Jacopo Ferretti ispirato all’opéra comique Eupherosine et Coradin, ou Le tyran corrigé di François-Benoît-Henri Hoffman, già musicato da Étienne Nicolas Méhulalla (1790) e alla Mathilde di J.-M. Boutet de Monvel (1799).

  • PERSONAGGI:

Corradino Cuor di ferro (tenore)

Matilde di Shabran (soprano)

Edoardo (contralto)

Raimondo Lopez, suo padre (basso)

Aliprando, medico (basso)

Isidoro, poeta (basso)

Contessa d’Arco (soprano)

Ginardo, torriere, (basso)

Egoldo, capo de’ contadini (tenore)

Rodrigo, capo degli armigeri (tenore)

Udolfo, carceriere (mimo)

Coro di armigeri e di villani

Villanelle, che non parlano

Prima rappresentazione: Roma, Teatro Apollo, 24 febbraio 1821.

  • LUOGO: Castello di Corradino in Spagna.
  • EPOCA: Medioevo
  • DURATA: 3 ore e 10 min. circa.
  • TRAMA:

ATTO I

L’opera si apre con un coro di contadini, capeggiati da Egoldo, che visita per curiosità il cortile del palazzo di Corradino. Egoldo racconta loro della brutta fama del signore del luogo: è un tiranno spietato, sanguinario, con manie di grandezza e tremendamente misogino. Il torriere Ginardo arriva e li avverte di fuggire prima che il “Cerbero” si desti e li punisca tutti. La scena rimane vuota fino a quando entra Isidoro, un poeta di scarso valore che copia le opere degli autori più famosi (la Gerusalemme liberata o la Divina Commedia per esempio). L’arrivo del poeta attira l’attenzione e l’ira di Corradino, che minaccia di ucciderlo, ma Isidoro viene salvato dal provvidenziale intervento di Aliprando, dottore del castello e l’unico che riesca a frenare l’ira del tiranno.
Isidoro viene fatto prigioniero, e Corradino chiede di parlare ancora con il prigioniero, Edoardo. Il giovane è figlio di Raimondo Lopez, suo acerrimo nemico, e Corradino gli chiede se vuole allearsi a lui tradendo il padre o cedere alla sua sorte. Edoardo, sdegnosamente, sceglie di non tradire il padre e viene rimandato in carcere.
Intanto, annunciata già prima da Aliprando, arriva Matilde, figlia del generale Shabran, molto nota per la sua bellezza. Matilde, saputa la fama di Corradino, ha deciso di intervenire per eliminare la misoginia del tiranno e di farlo innamorare di sé (la stessa cosa che cerca di fare Mirandolina con il Cavaliere ne La locandiera di Goldoni). Aliprando la avverte: Corradino resiste a qualsiasi donna, e in più già una donna ha messo gli occhi su di lui, la gelosissima Contessa d’Arco. Il caso vuole che la Contessa arrivi in quel momento e si veda rubare la scena da un’altra. Tra le due nasce un battibecco, male arginato da Aliprando e Ginardo, che richiama in scena Corradino. Il tiranno rimane sbalordito dalla bellezza e dalla sfrontatezza della bella Matilde, tant’è che non riesce a ordinare di mandarla a morte, con grande stupore del dottore e del torriere e con grande gelosia della Contessa.
Matilde è già a buon punto, e riesce a fare innamorare il tiranno, anche se lui teme che possa tradirla e approfittarsene. Ma le effusioni dei due amanti vengono interrotte da una marcia militare: l’esercito dei nemici, capeggiato da Raimondo Lopez, si sta avvicinando al castello. L’atto si conclude con il turbamento e lo sgomento generale, e Corradino parte con l’esercito.

ATTO II

La vendetta della Contessa d’Arco non tarda a venire: dopo aver corrotto il carceriere, libera Edoardo dalla torre fingendosi Matilde, e il giovane fugge nel bosco, dove infuria la battaglia: il piano della Contessa è quello di accusare Matilde della fuga di Edoardo, per vendicarsi dell’oltraggio subito.
Edoardo, nella foresta, ritrova il padre ma viene raggiunto da Corradino: il tiranno si stupisce della sua fuga, ed Edoardo gli risponde che è stata Matilde a liberarlo. Corradino si sente tradito e medita vendetta.
Al castello tutti quanti attendono il ritorno di Corradino trepidanti: Matilde stessa se ne è innamorata, nonostante all’inizio lo disprezzasse. Corradino ritorna e ordina di far chiamare Edoardo. Quando gli rispondono che la prigione è vuota e il giovane è fuggito, la Contessa accusa Matilde, accusa che viene avvalorata da una lettera indirizzata alla stessa Matilde: Edoardo (ma probabilmente la Contessa stessa) le scrive la sua gratitudine per la liberazione. L’ira di Corradino divampa, e ordina a Isidoro di portare Matilde al dirupo che si affaccia sul torrente e di buttarvela giù. Isidoro si ritrova costretto ad ubbidire, e porta con sé la ragazza.
Isidoro ritorna annunciando la morte di Matilde, con grande gioia della vendicativa Contessa. Ma la sua felicità dura poco, dato che Edoardo irrompe in scena con il carceriere corrotto e accusa pubblicamente la Contessa della congiura contro Matilde. Corradino, sconvolto, caccia la Contessa e medita di uccidersi.
Nella foresta presso il torrente, Corradino sta per buttarsi nel fiume per seguire la sua amata, ma viene bloccato da tutti e anche dalla stessa Matilde: lei e Isidoro, infatti, dopo la condanna di Corradino, avevano incontrato Edoardo e Raimondo che li avevano convinti a fingere la morte di Matilde per far ravvedere il tiranno. Corradino, abbandonata la sua misoginia e la sua crudeltà, dichiara il suo appassionato amore a Matilde, la quale ricambia, affermando che: “le femmine son nate per vincere e regnar”.

  • APPROFONDIMENTO:

Matilde di Shabran si inserisce a pieno titolo in un genere operistico, quello semiserio, che nella prima parte dell’Ottocento godeva di grandi favori da parte di autori e pubblico e al quale Gioachino Rossini aveva già dato un capolavoro quale La gazza ladra . Lo scarso tempo a disposizione per la preparazione della partitura indusse Rossini a utilizzare diversi pezzi tolti da sue opere precedenti, nonché a pregare l’amico Giovanni Pacini di comporre alcuni pezzi; la prima rappresentazione della Matilde fu diretta da Niccolò Paganini. Negli anni successivi Rossini rivide più volte la partitura: in quello stesso 1821, per una rappresentazione napoletana al Teatro del Fondo, compose diversi pezzi nuovi, e lo stesso fece per una ripresa parigina del 1829.

Matilde di Shabran presenta aspetti di notevole interesse per l’originale commistione di elementi seri e comici, che da un lato prelude alle soluzioni del successivo Comte Ory , dall’altro anticipa stilemi che saranno caratteristici del melodramma di Donizetti e Bellini. Il fatto che la partitura non si dipani con costanza allo stesso, altissimo livello dei suoi momenti migliori si può imputare forse a una trama eccessivamente labirintica e a un libretto non di rado verboso, nonché ai ridottissimi tempi di preparazione.

  • DISCOGRAFIA:

2004 – Riccardo Frizza (direttore), Coro da Camera di Praga, Orchestra sinfonica di Galizia – Annick Massis (Matilde), Hadar Halevy (Edoardo), Bruno Taddia (Raimondo), Juan Diego Flórez (Corradino), Carlo Lepore (Ginardo), Marco Vinco (Aliprando), Bruno De Simone (Isidoro) – Decca Records (dal vivo, Rossini Opera Festival, Pesaro)

2013 Mario Martone (regia) – Michele Mariotti (direttore), Orchestra e Coro del Teatro Comunale di Bologna – Olga Peretyatko (Matilde), Anna Goryachova (Edoardo), Marco Filippo Romano (Raimondo), Juan Diego Flórez (Corradino), Simón Orfila (Ginardo), Nicola Alaimo (Aliprando), Paolo Bordogna (Isidoro) – Decca Records (versione di Napoli, 1821; dal vivo, Rossini Opera Festival, Pesaro, 2012)

  • SPARTITO
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...